Disambigua Art Space

THE QUEST FOR TRADITION

Carlotta De Sanctis - disambigua artspace

 

THE QUEST FOR TRADITION :: Diario di un viaggio :: by Carlotta De Sanctis

My last journey, perhaps more than any other, put me in a position to reflect on the widespread desire to seek out that which is most typical, original and traditional in the place we are visiting. In all likelihood, the very choice to visit a country such as Myanmar can be considered partially in line with the common attempt to grasp the essence of that which has not yet been explored, seen and touched. This, in turn, is connected with the unconscious desire to come home with a suitcase full of stories that have an aura of the exotic, the characteristic and the spectacular, arousing interest in a group of listeners and guaranteeing the storyteller a certain social success. Now, the charm and the adventure that existed in travel stories, romanticised by the presence of atypical characters in more or less incredible stories, have been somehow ousted by stories of the spontaneous traveller, which are certainly less colourful but more accessible, and above all within the reach of the common man. Given the abstraction of the concept of the “unexplored”, the opportunity to reach the most remote corners of the planet, which has been exponentially simplified in the last 20 years, has transformed what was a rather protracted process of research and encounter to seemingly limitless access to different places and cultures. The simplification of this process has therefore brought about the possibility of greater mobility (almost exclusively reserved for Western populations), connected, in many cases, with a dizzying reduction in the time available to dedicate to the discovery of a place. Furthermore, this new travel formula is often associated with the growing demand to seek out what people believe to be typical and traditional situations, involving, now more than ever before, a paradox in the real possibility of dedicating ourselves to interacting with a new context. Connected to the incoherence of this attitude is the desire to preserve many societies as they are, in order to benefit from them when a need is felt for something that is perceived as more authentic, because of its diversity. In some cases, the will to preserve, a topic widely debated within anthropological studies, involves a violent attempt to preserve certain situations against the process of change inherent over time. What is often found is therefore a depletion of spontaneity in favour of a dramatization intended to meet the needs of the occasional traveller. So, rather than trying to imprison the time of others, it would be interesting to reflect on our own use of this dimension. In so doing, rather than looking for gimmicks and solutions for speeding up the process of experiencing a typical situation or element, we could humbly open ourselves up to the idea that access to determined customary dynamics, to small corners that resist the urbanisation process, to rituals that have not succumbed to the charm of the economic market and continue to be repeated according to logic far removed from the concept of sales and accumulating wealth, requires passion, predisposition and, not least, a certain amount of time. Obviously, this reflection can not represent on its own the solution to the complex social, cultural and economic dynamics intrinsic to the globalisation process. Nevertheless, it could provide a first step in the attempt to shift the focus of the experience of travel to a different qualitative level on an interpersonal exchange level. In travel, like in research and art, the interest in a given place, subject or debate requires an extensive time period that necessitates not only an accumulation of relevant experience and knowledge, but also a real path during which the subject itself alters the perspective. Reducing and simplifying research methods, it is clear that what was previously a cumulative path has now in many cases been condensed to the acquisition of factual data, often reduced to mere stereotype, in the absence of a different outlook, becoming a simple, facilitated orientation system. Reconsidering the temporal dimension in exchange and observation not only allows us to defend ourselves against vague conclusions, but also, at the same time, to rediscover that spontaneity that at a first glance seems lost in others and in ourselves. At that point, the story could also regain its colour and that dimension of being a unique and personal experience, which the standardisation of travel seems to have compressed. As I was writing this text, I stumbled upon a new Italian publication of a famous Turkish novel: ‘The Time Regulation Institute’ by Ahmet Hamdi Tanpınar. In this work, the author sarcastically paraphrases human desire to control and organise the things that proceed independently of their will, and therefore the attempt to possess and regulate time. What Tanpınar proposes is a parody of modernity in Istanbul at the turn of the century, symbolised by a grotesque attempt to create institutes, such as that for the regulation of clocks, which could organise that which evaded rational control. Considering the quality of the temporal dimension, in my opinion, allows us to reflect and take into consideration the real consequences of a particular form of time management. Rescaling the few weeks of researching the exotic into a more humble holiday experience, without any pretension of an intimate understanding of complex dynamics, could restore greater dignity to the concept of travel, which requires a different period and mental predisposition. The interest, fascination and wonder of a more genuine and less arrogant exchange in our quest for a spectacular story could stop us from merely reproducing clichés, regaining a revelatory experience not only of others but, above all, of ourselves.

Carlotta De Sanctis InkNotes - disambigua artspace

 

Carlotta De Sanctis - InkNotes - disambigua artspace

Myanmar 2015 – Photo by Carlotta De Sanctis

•••

 

Share the joy
  • 9
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

0 Comments

Leave a Reply


www.disambiguartspace.com utilizza i cookies per offrirti un esperienza di navigazione migliore. Usando il nostro servizio accetti l´impiego di cookie in accordo con la nostra cookie policy. Scoprine di più Scoprine di più | Chiudi

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Informativa estesa sull’uso di cookies Premessa La presente “informativa estesa” è stata redatta e personalizzata appositamente per il presente sito www.disambiguartspace.com in base a quanto previsto dal Provvedimento dell’8 maggio 2014 emanato dal Garante per la protezione dei dati personali. Essa integra ed aggiorna altre informative già presenti sul sito e/o rilasciate prima d’ora dall’azienda, in combinazione con le quali fornisce tutti gli elementi richiesti dall’art. 13 del D. Lgs. 196/2003 e dai successivi Provvedimenti dell’Autorità Garante per la protezione dei dati personali. Avvertenza importante Si informano i terzi tutti che l’utilizzo della presente informativa, o anche solo di alcune parti di essa, su altri siti web in riferimento ai quali sarebbe certamente non pertinente e/o errata e/o incongruente, può comportare l’irrogazione di pesanti sanzioni da parte dell’Autorità Garante per la protezione dei dati personali. Oggetto dell’informativa La nostra azienda sfrutta nelle presenti pagine web tecnologie facenti ricorso ai così detti “cookies” e questa informativa ha la finalità di illustrare all’utente in maniera chiara e precisa le loro modalità di utilizzo. Il presente documento annulla e sostituisce integralmente eventuali precedenti indicazioni fornite dall’azienda in tema di cookies, le quali sono quindi da considerarsi del tutto superate. Cosa sono i cookies I cookies sono stringhe di testo (file di piccole dimensioni), che i siti visitati da un utente inviano al suo terminale (pc, tablet, smart phone, ecc.), ove vengono memorizzati per poi essere ritrasmessi agli stessi siti che li hanno inviati, nel corso della visita successiva del medesimo utente. Tipologie di cookies e relative finalità I cookies utilizzati nel presente sito web sono delle seguenti tipologie: Cookies tecnici: permettono all’utente l’ottimale e veloce navigazione attraverso il sito web e l’efficiente utilizzo dei servizi e/o delle varie opzioni che esso offre, consentendo ad esempio di effettuare un acquisto o di autenticarsi per accedere ad aree riservate. Questi cookies sono necessari per migliorare la fruibilità del sito web, ma possono comunque essere disattivati. Cookies di analisi: sono strumenti di analisi web anonima ed aggregata, che permettono di avere informazioni su come gli utenti utilizzano il sito web, su come ci sono arrivati, sul numero e la durata delle visite, ecc. Tali cookies consentono di introdurre migliorie al sito web, le quali facilitano l’accesso da parte degli utenti e di elaborare statistiche. Questi cookies non sono necessari per l’ottimale fruibilità del sito web e pertanto possono essere disattivati. Cookies di terze parti: sono dei cookies installati sul terminale dell’utente ad opera di gestori di siti terzi, per il tramite del presente sito. I cookies di terze parti, aventi principalmente finalità di analisi, derivano per lo più dalle funzionalità di Google Analytics. E’ possibile avere maggiori informazioni su Google Analytics cliccando sul seguente link: http://www.google.it/intl/it/analytics. Per disabilitare i cookies e per impedire a Google Analytics di raccogliere dati sulla navigazione, è possibile scaricare il componente aggiuntivo del browser per la disattivazione di Google Analytics cliccando sul seguente link: https://tools.google.com/dlpage/gaoptout Le impostazioni del browser Informiamo inoltre che l’utente può configurare, liberamente ed in qualsiasi momento, i suoi parametri di privacy in relazione all’installazione ed uso di cookies, direttamente attraverso il suo programma di navigazione (browser) seguendo le relative istruzioni. In particolare l’utente può impostare la così detta “navigazione privata”, grazie alla quale il suo programma di navigazione interrompe il salvataggio dello storico dei siti visitati, delle eventuali password inserite, dei cookies e delle altre informazioni sulle pagine visitate. Avvertiamo che nel caso in cui l’utente decida di disattivare tutti i cookies (anche quelli di natura tecnica), la qualità e la rapidità dei servizi offerti dal presente sito web potrebbero peggiorare drasticamente e si potrebbe perdere l’accesso ad alcune sezioni del sito stesso. Indicazioni pratiche rivolte all’utente per la corretta impostazione del browser Per bloccare o limitare l’utilizzo dei cookies, sia da parte del presente sito che da parte di altri siti web, direttamente tramite il proprio browser, si possono seguire le semplici istruzioni sotto riportate e riferite ai browser di più comune utilizzo. Google Chrome: cliccare sull’icona denominata “Personalizza e controlla Google Chrome” posizionata in alto a destra, quindi selezionare la voce di menù denominata “Impostazioni”. Nella maschera che si apre, selezionare la voce di menù denominata “Mostra impostazioni avanzate” e quindi alla voce di menù denominata “Privacy” cliccare sul pulsante “Impostazioni contenuti” ove è possibile impostare il blocco di tutti o parte dei cookies. Microsoft Internet Explorer: cliccare sull’icona denominata “Strumenti” posizionata in alto a destra, quindi selezionare la voce di menù denominata “Opzioni internet”. Nella maschera che si apre, selezionare la voce di menù denominata “Privacy” ove è possibile impostare il blocco di tutti o parte dei cookies. Mozilla Firefox: dal menu a tendina posizionato in alto a sinistra selezionare la voce di menù denominata “Opzioni”. Nella maschera che si apre, selezionare la voce di menù “Privacy”, ove è possibile impostare il blocco di tutti o parte dei cookies.

Chiudi